Come funzionano le quote scommesse

Per quota si intende la stima della probabilità che viene attribuita ad un particolare risultato relativo ad un dato evento. In caso di esito positivo, il giocatore “vincerà” il capitale investito nella scommessa, moltiplicato per la quota.

Non è semplice capire come si calcolano le quote, soprattutto per chi è entrato da poco in questo mondo. I siti di scommesse hanno complicati algoritmi che tramite l’insieme delle informazioni riguardanti il singolo match o competizioni elaborano una quota. Il compito dei bookmakers è quello di promuoverle e cambiarle nel momento in cui ci sono variazioni nelle informazioni d’origine.

Come calcolare le quote delle scommesse

Prima di capire come leggere le quote è necessario capire la differenza tra quota e probabilità.

Una volta che lo scommettitore ne è a conoscenza, potrà calcolare facilmente la probabilità che il bookmaker assegna a ogni risultato, con la formula 100/quota. Per esempio, se il bookmaker attribuisce a un determinato evento il successo della squadra di casa con una quota pari a 1.5, significa che attribuisce una probabilità del 66,6% a tale evento.

Il consiglio da seguire è quello di cercare le scommesse con possibilità reali di vittoria, superiori a quelle stabilite dagli stessi operatori. Il calcolo per trovare questo risultato si ottiene grazie alla formula citata sopra.

Calcolo aggio scommesse: di cosa di tratta?

Nel mondo delle scommesse la lavagna, detta anche aggio, è la percentuale di ricarico sulle quote, cioè il guadagno del bookmaker; il concetto è lo stesso della rake nel poker.

Per comprendere il concetto di aggio, dobbiamo affidarci alla quota più scontata di una partita di calcio: si tratta di un mercato delle scommesse molto semplice in cui la percentuale di riuscita è valutata all’incirca al 50% per ognuno dei due esiti. Ovviamente l’esito è un come un tiro di moneta: il risultato è pari o dispari.

Una probabilità al 50% dovrebbe comportare una quota 2,00 (100/2=50), ma come potrai notare su tutti i bookmaker, le due opzioni “Pari – Dispari” non sono mai quotate a due volte la posta.

La differenza tra la quota reale dell’esito della scommessa (che sia pari o dispari) e quella proposta dal bookmaker è definita lavagna o aggio.

Come si calcola l’aggio

Per calcolare la lavagna occorre sommare i risultati delle divisioni 100/quota del segno. Prendiamo la partita di Serie A Torino e Sampdoria. Operatore A propone l’esito 1 (vittoria del Torino) a 2,45, il segno X (pareggio) a 3,05 e il segno 2 (successo del Sampdoria) a 3,25.

Andiamo ora a vedere qual è la lavagna di Operatore A in relazione alla partita appena indicata. L’aggio di questo match sarebbe pari a (100/2,45)+(100/3,05)+(100/3,25), quindi 40.8+32,7+30,7=104,2%. L’aggio che più si avvicina al 100% è quello più vantaggioso. È possibile trovarlo con questi calcoli.

Nel caso di Operatore A la probabilità di vittoria della Torino è del 40,8% (100/2,45), quella del pareggio è del 32,7% (100/3,05), e quella della vittoria della Sampdoria è del 30,7% (100/3,25). Ora dobbiamo dividere le singole percentuali sulla somma delle probabilità, divisa 100 (104,9/100=1,042). Ecco il risultato al netto dell’aggio di Operatore A.

  • 40,8/1,042 = 39,15%
  • 32,7/1,049  = 31,38%
  • 30,7/1,049  = 29,46%

La somma ora è 99,9%, cifra che corrisponderebbe al 100% se fossero inclusi tutti i decimali.

Ecco come ricavare le quote reali dalle percentuali:

  • 100/39,15 = 2,55 per l’ 1
  • 100/31,38 = 3,18 per l’ X
  • 100/29,46 = 3,39 per il 2

Come calcolare il picchetto tecnico

Il calcolo del picchetto tecnico è sempre lo stesso, prendiamo ad esempio il derby della lanterna tra Genoa e Sampdoria, essendo una partita importante ci sono molti fattori dei quali dobbiamo tenere conto.

Come avviene il calcolo probabilità nelle scommesse calcio da parte dei bookmaker? Per prima cosa bisogna calcolare la probabilità di ognuno degli eventi, il cosiddetto picchetto tecnico.

La Sampdoria ha giocato in casa dall’inizio del campionato 18 volte, con uno score di 6 vittorie 5 pareggi e 8 sconfitte. Il Genoa ha giocato in trasferta da inizio torneo 19 volte con 2 vittorie 6 pareggi e 11 sconfitte.

La probabilità dell’evento 1 ossia dell’esito finale segno 1, vittoria della Samp, si calcola:

(N° partite vinte dalla Samp in casa + N° partite perse dal Genoa in trasferta) / (N° partite giocate dalla Samp in casa + N° partite giocate dal Genoa in trasferta)

quindi

(6+14) / (19+19) = 0,52 = 52%

Il procedimento per il calcolo delle quote nelle scommesse di Sampdoria – Genoa va ripetuto anche per gli altri due segni. Senza riscriverlo anticipiamo che per il segno X c’è una probabilità del 22% così come per il segno 2 la probabilità è del 26%

Per calcolare la quota definitiva bisogna dividere 100 per la probabilità di ognuno degli eventi

  • nel caso del segno 1 ——– 100/52 = 1,92
  • nel caso del segno X ——– 100/22 = 4,54
  • nel caso del segno 2 ——– 100/26 = 3,84

Come interpretare le quote delle scommesse

È importante non lasciarsi ingannare dalle prime apparenze, è necessario comprendere in che modo i bookmaker cercano di orientare il proprio profitto con un continuo riequilibrio delle quote e delle probabilità. Per scovare quale sia la reale quota più vantaggiosa per chi scommette è fondamentale capire come funziona il gioco.